Vinaora Nivo Slider 3.x

L’enorme patrimonio musicale italiano dei secoli XVI-XVII dal quale provengono le principali forme vocali e strumentali del periodo; forme che influenzano lo stile musicale di un’intera epoca, essendo esse modello di riferimento per i musicisti attivi in ogni parte d’Europa, testimonia lo straordinario fermento artistico in atto in quel tempo e l’alto valore culturale in esso espresso.
A fronte di tale ricchezza musicale attestata, non soltanto in terra lombarda ma anche a livello nazionale, la riscoperta e la rivalutazione di questo patrimonio, ancor oggi dimenticato nelle biblioteche e negli archivi storici italiani e stranieri, è lontana dal godere di quella attenzione e di quell’interesse da parte delle istituzioni che invece meriterebbe.

Di qui la necessità, ma anche l’urgenza di sopperire con atti concreti a questo stato di abbandono, attraverso la creazione, a Milano, di un’Accademia di Musica Antica. Sostenuta da un’idea chiara e, allo stesso tempo semplice, l’Accademia intende riunire nel medesimo ambito competenze plurime finalizzate alla riscoperta, alla valorizzazione del patrimonio musicale italiano dei secoli XVI-XVII, attraverso la ricerca delle fonti musicali antiche; l’edizione moderna e la pubblicazione dei monumenti musicali ritrovati; la loro registrazione discografica; la loro produzione musicale.

In tal modo, il bene culturale non rimane ostaggio dell’archivio nel quale esso è conservato ma, vedendo rispettate e, anzi, esaltate nella proposta editoriale ed esecutiva le proprie valenze artistiche, entra in un ambito di comunicazione che non ne offende la storicità ma, al contrario, ne esalta le risorse.

In particolare, per quanto riguarda l’edizione moderna delle fonti musicali antiche, è obiettivo primario dell’Accademia quello di curare sia un’edizione critica di esse sulla base dei piú aggiornati criteri filologici, sia un’edizione pratica ad uso degli interpreti e dei Conservatori di musica.
In merito alla produzione musicale, l’obiettivo è quello di programmare annualmente una stagione concertistica alla quale affiancare convegni, lezioni concerto, conferenze, studi musicologici e ogni altro intervento volto a sostenere l’iniziativa musicale proposta.

Per la singolarità della sua missione e per la complementarietà delle sue azioni, l’Accademia di Musica Antica di Milano diventa un punto di riferimento qualificato per coloro che già operano o che intendono operare nel settore specifico della musica antica.